Spazio Geco. Via Magenta 11, 27100 Pavia. Tel. 0382.28501|info@spaziogeco.it

Spazio Geco è sempre alla ricerca di nuove idee e soluzioni per mettere in atto il museo ideale.

Questo mese vogliamo presentarvi un progetto particolare, quasi magico: gli High Tech Mirror! Sono stati presentati all’Open Day Natalizio MAKEITGECO 2017 ma se ve li siete persi non preoccupatevi, questo articolo fa al caso vostro!

Immaginate di passeggiare tranquillamente per le stanze di una dimora storica tra mobili antichi e opere d’arte quando all’improvviso… qualcosa appare nello specchio appeso alla parete!

Di cosa si tratta?

L’high tech mirror è fondamentalmente uno specchio di dimensioni variabili su cui, oltre ovviamente al riflesso di ciò che gli sta di fronte, si può far apparire… qualsiasi cosa vogliate!

E’ senza ombra di dubbio un’installazione di grande impatto che può avere diverse applicazioni in moltissimi ambiti. Da un lato garantiscono un forte impatto visivo, attirando l’attenzione dello spettatore, coinvolgendolo e includendolo nell’esposizione. Dall’altro forniscono diversi spunti per una comunicazione originale e con grande potenzialità nella trasmissione di informazioni.

Come funziona?

specchi normali

Gli specchi ordinari da un lato riflettono ciò che li circonda (A1) ma dall’altro lato sono completamente opachi (B1) e non permettono alla luce di oltrepassarli.

schema high tech mirror

Nell’high tech mirror, invece, viene utilizzato un vetro speciale che da un lato riflette la luce (lato A) e dall’altro permette a parte di questa di passare (lato B).

Introducendo una sorgente di luce come un monitor (C) dietro al lato non riflettente (lato B) si ottiene un effetto molto particolare. Quando il monitor è spento il vetro (A) si comporta come uno specchio ma quando il monitor si accende è possibile vedere ciò che trasmette (si vede il lato B guardando attraverso il lato A).

L’high tech mirror permette inoltre di miscelare immagini riflesse con elementi digitali poiché le parti scure del monitor mantengono il lato A riflettente.

Quali sono i possibili utilizzi?

I possibili impieghi sono davvero moltissimi, da quello dell’abbigliamento in cui l’high tech mirror permetterebbe alle persone di provare i vestiti in modo virtuale a quello della valorizzazione dei beni culturali.
In questo campo l’utilità dell’high tech mirror prende molte e diverse sfumature.

Innanzitutto, lo specchio, per le proprie caratteristiche e le proprie funzioni, porta inevitabilmente a riflessioni legate all’identità personale che possono essere sfruttate per creare un paragone tra questo e qualcosa di diverso come per esempio personalità del passato o personaggi di spicco.

Si potrebbe poi giocare con le ambientazioni o sorprendere il visitatore mostrando nello specchio opere d’arte contemporanea che si materializzano e mutano intorno al suo riflesso.
 
Con l’high tech mirror è poi possibile inserire il pubblico in un contesto storico mettendo foto d’epoca a grandezza naturale come sfondo al riflesso dell’osservatore.
 
Oltre a tutto ciò l’high tech mirror offre una soluzione innovativa per risolvere alcuni problemi espositivi piuttosto comuni. Possono infatti essere utilizzati per esempio per mostrare, tramite il riflesso, superfici normalmente difficili o scomode da vedere (come gli affreschi di un soffitto, o il retro di un reperto archeologico) facendo apparire informazioni audio/video direttamente sul riflesso stesso. 

E voi come li utilizzereste?

La creatività non ha mai fine e noi gechi siamo sempre alla ricerca di nuove idee. Gli high tech mirror, inoltre, sono degli strumenti innovativi che, come dicevamo, possono trovare applicazione in moltissimi ambiti e situazioni. Per questo, se leggendo avete pensato a qualcosa di diverso rispetto a ciò che vi abbiamo detto, scriveteci! I punti di vista e i suggerimenti non sono mai troppi e noi siamo qui proprio per dar vita alle vostre idee. 

Scrivici a comunicazione@spaziogeco.it per ottenere subito una visita e un preventivo gratuiti e senza impegno!

2018-04-23T09:11:30+00:00